header

Immagini

Le Petralie PDF Stampa E-mail

Petralia Sottana

petralia-sottana

Le prime tracce di insediamento umano risalgono al IV/III millennio a.C. (periodi del neolitico e dell'eneolitico) come testimoniato dai reperti archeologici della vicina Grotta del Vecchiuzzo. In tempi assai più vicini dovette esistere un insediamento indigeno, fortemente influenzato dalla vicina colonia greca di Himera, nei cui scavi è stata rinvenuta una moneta bronzea, il Petrinon che reca appunto il nome della città di Petra. Nel III secolo a.C., con la conquista romana, Petra divenne città "decumana". Il paese seguì poi le sorti del resto dell'isola subendo le invasioni barbariche prima e la successiva riconquista bizantina. Con la conquista araba, nel IX secolo, venne ribattezzata "Batarliah" o "Batraliah" e divenne importante piazzaforte militare strategica e mercato. I normanni conquistarono Petralia intorno al 1062, fondandovi un Castello. Il centro divenne, durante il periodo svevo, territorio dei Ventimiglia di Geraci. Dopo vennero i Moncada, i Cardona e gli Alvarez de Toledo, fino all'abolizione della feudalità nel 1817.

Da visitare: Chiesa Madre, Museo Civico, ex Convento dei Rifomati.

Comuni contigui: Alimena, Blufi, Caltanissetta (CL), Castelbuono; Castellana Sicula, Geraci Siculo, Isnello, Marianopoli (CL), Petralia Soprana, Polizzi Generosa, Resuttano (CL), Santa Caterina Villarmosa (CL), Villalba (CL)

Altitudine s.l.m.: 1.000 m

Superficie: 178 km2

Abitanti: 3.087 (petralesi)

CAP: 90027

Prefisso telefonico: 0921

 

Petralia Soprana

cefalu-dintorni1

Le origini di Petralia si suppone che risalgano all'antica Petra, città fondata dai Sicani per meglio difendersi dai continui attacchi del nemico. Potrebbe aver conosciuto un insediamento greco, ma si hanno notizie certe soltanto a partire dal III secolo a.C. sullo sfondo della guerra tra Romani e Cartaginesi. Nel 254 a.C. durante la prima guerra punica, i petrini aprirono la porta ai consoli Aulo Attilio e Gneo Cornelio passando dal dominio cartaginese a quello romano. Petra fu inserita tra le civitas decumanae, cioè tra le città sottoposte al tributo annuo della decima in natura. Ben presto, infatti, divenne una delle principali tornitrici di grano dell'Impero Romano. Nel IX secolo fu conquistata dagli arabi e ribattezzata Batraliah. Nel 1062 fu conquistata dai normanni, il conte Ruggero ne fortificò il castello, le torri e i bastioni esistenti. Nel 1067 il conte fece costruire un altro castello, fuori le mura, e dalla parte nord una chiesa titolata a San Teodoro; divenne una importante roccaforte e fu ceduta da Ruggero insieme al suo vasto territorio, al nipote Serlone. Nel 1258 passo alla contea dei Ventimiglia di Geraci e nel 1396 alla contea di Collesano. Da allora vide il susseguirsi dei Centelles dei Cardona e infine dei Moncada e degli Alvarez de Toledo.

Da visitare: ruderi del Castello, Chiesa Madre, Chiesa di San Salvatore, Chiesa di San Giovanni Evangelista.

Comuni contigui: Alimena, Blufi, Bompietro, Gangi, Geraci Siculo, Petralia Sottana

Altitudine s.l.m.: 1.147 m

Superficie: 56 km2

Abitanti: 3.516 (petralesi)

CAP: 90026

Prefisso telefonico: 0921

 

Richiedi Disponibilità

...